NESTA ALZA L’ASTICELLA: “CHIEVO FORTE, DOBBIAMO PROVARE A BATTERLO”

Il tecnico del Frosinone non nasconde le difficoltà della sfida di domani sera all'undici di Marcolini: "Vincere ci sarebbe fiducia e slancio in classifica. E ci permetterebbe di affrontare la pausa con un altro spirito. Dobbiamo sapere che nessuna squadra in questo campionato è inarrivabile". Formazione top-secret, tutti sulla corda.
 In Prima Squadra, Slider Home

FERENTINO – E’ il sabato che fa da vigilia al posticipo della 12.a giornata del campionato di serie B tra Frosinone e Chievo. Ed è il sabato mattina deputato solitamente alla conferenza stampa di mister Nesta.

Mister Nesta, un’occasione ghiotta perché in caso di vittoria per il Frosinone, se dovessimo sfatare il tabù-Chievo sarebbe la vera svolta della stagione.

“La classifica è cortissima, per tutti è una opportunità. Vincere due partite di fila ti permetterebbe di avere davanti una classifica diversa. Togliendo due squadre che per ora hanno dato uno strappo importante. Il Chievo è una formazione molto forte che ha fatto bene. Noi siamo un po’ in ritardo ma credo che sarà una partita molto bella. Tutti sanno dell’importanza dei tre punti. Vincere ci darebbe fiducia e slancio. E poi ci farebbe affrontare la pausa con un altro spirito”.

Il Frosinone sarà al gran completo. Ma in settimana c’è stato un problema per Paganini?

“Un po’ di mal di schiena perché ha giocato due partite di fila ma il ragazzo ieri si è allenato ed è a disposizione”.

Il Chievo ha il terzo miglior attacco ma dietro concede qualcosa perché ha subìto le stesse reti del Frosinone. Questo significa che anche loro possono concederci spazi. Al di là delle qualità dell’avversario.

“In B tutte le squadre hanno uno o più punti deboli. Tutte le squadre hanno dei problemi, anche il Chievo quindi. Dobbiamo provare a batterli. Noi dobbiamo crederci perché possiamo farlo, anche se non è facile. Anche noi comunque abbiamo dei punti deboli. Ma in questa B non c’è squadra inarrivabile. Lo dice la classifica. Tutte sono un po’ altalenanti. Noi questa sfida la dobbiamo affrontare con la forza giusta”.

Una domanda di carattere generico: come fa Nesta a pesare un giocatore per mandarlo in campo? Facciamo l’esempio di Zampano che a sinistra a Cittadella ha giocato una grande partita. Durante la settimana, attenendoci alle corsie sterne, come fanno Paganini, Beghetto, Zampano a portare la scelta dalla propria parte?

“La scorsa settimana abbiamo scelto in base al minutaggio che c’era stato nelle gare del turno infrasettimanale ed anche al post-gara e quindi ai tempi di recupero di ogni giocatore. C’è anche il fattore legato al turno, se giochiamo in casa o fuori casa. Individuiamo le coppie di giocatori che possono ricoprire quel ruolo, poi valutiamo e in base a quello che vediamo e scegliamo un giocatore invece di un altro. In base allo stato fisico e mentale. Per me Zampano a sinistra ci può dare garanzie esattamente come a destra, anche nella difesa a quattro. Questi sono in parametri in definitiva”.

Il modulo di base del Chievo è il 4-3-1-2, solo una volta ha giocato diversamente. Si aspetta qualche cambiamento?

“Solo una volta ha cambiato. Ma in B tanti usano lo stesso modulo, tanti il 5-3-2 e tanti il 4-3-1-2. Non potremo mai saperlo prima di domani sera”. Ma anche il Chievo è alle prese con lo stesso interrogativo…

Giovanni Lanzi

Articoli Recenti