LA LEGA DI B COMPATTA, DÀ VALORE AI CLUB. IL 3 AGOSTO IL CALENDARIO A BARI

 In Senza Categoria

MILANO – La presentazione del calendario 2017/18 di Serie B si terrà a Bari il prossimo 3 agosto nel prestigioso scenario del Castello Svevo. Lo ha stabilito l’assemblea di Lega del campionato cadetto svoltasi oggi 17 luglio a Milano nella sede di Via Rosellini. Questo il comunicato della Lega di serie B sulla decisione di indicare Bari come sede del varo del calendario: «La scelta è stata presa in considerazione del valore della location, dell’adeguatezza degli spazi, della dotazione tecnologica ma anche in virtù dell’importanza di un territorio storicamente presente in Serie B con cinquanta stagioni all’attivo». Per il Frosinone era presente Salvatore Gualtieri in qualità di responsabile dei Rapporti con le Istituzioni oltre che Direttore Marketing & Comunicazione.
Ma la data per il varo del calendario è solo una delle novità di questa riunione che ha segnato anche una svolta per la serie Cadetta: i 22 club si sono mostrati compatti. La discussione e poi l’approvazione del deliberato riguardante i criteri sulla ripartizione della mutualità, diritti tv, marketing associativo e Tim Cup ha visto anche importanti aperture da parte dei club medio-grandi (e tra questi anche il Frosinone) nei confronti degli altri. A conferma che i lavori che dovranno portare il prossimo 31 luglio all’elezione del presidente possono procedere spediti.
Soddisfazioni da parte dello stesso Gualtieri che prima di tornare a Roma ha dichiarato al sito ufficiale del Frosinone: «Sono rimasti invariati i criteri di ripartizione dei Diritti Tv e del Marketing Associativo ma la cosa più importante è che la serie B si è ritrovata compatta, direi alla vecchia maniera, soprattutto in relazione al fatto di uniformare gli introiti derivanti dalla mutualità e portarli al 70% per tutti. Un grande sforzo da parte delle società medio-grandi, compreso lo stesso Frosinone».
Sul tavolo la vera sostanza erano i criteri di ripartizione delle risorse economiche dopo la modifica della legge 225, legge Melandri, che individua precisi ambiti di destinazione dei ricavi provenienti dalla mutualità. L’Assemblea, appunto unanime, si è orientata su un sostanziale equilibrio fra parte fissa e variabile, con quest’ultima che ha visto un incremento percentuale dedicato ai settori giovanili e infrastrutturali. Rimane inalterata la distribuzione delle cosiddette ‘altre risorse’ a eccetto della Tim Cup. Rivisto anche il regolamento sul minutaggio (da under 21 si arriva agli under 23) che prevede maggiori introiti per le società che perdono giocatori a causa delle convocazioni nelle Nazionali.
Vediamo qualcosa nel dettaglio. Per quanto riguarda gli under 21 i club potranno ricevere il 100% per i calciatori di proprietà, il 75% per tutte le altre posizioni. Per gli under 22 il 75% a prescindere dal titolo di proprietà, per gli under 23 per tutti il 50%. Il tetto massimo che le società possono raggiungere è di 450’ per ogni gara per un totale di 12.500’ in tutta la stagione.
Quindi si è passati alla ripartizione equa per le altre 3 voci legate alla mutualità: Infrastrutture, Settore Giovanile e Under convocabili: il 70% suddiviso in parti uguali, il 30% in funzione delle squadre giovanili che verranno presentate nei campionati di categoria. Stesso criterio per la Coppa Italia (70% e 30%). Da tenere presente – come detto – che le quote precedenti erano 50% e 50% e quindi i facile intuire lo sforzo compiuto nei confronti dei club medio-piccoli.
Infine il Marketing Associativo e i diritti tv: il 50% in parti uguali, il 25% per meriti sportivi, il restante 25% in base all’affluenza nello stadio.
Sono state approvate inoltre le modalità organizzative relative al campionato Primavera 2, da quest’anno in capo alla Lega B. Le decisioni saranno illustrate nel dettaglio nelle prossime settimane, mentre è stata inoltrata la richiesta alla Figc per l’allargamento delle panchine fino a un massimo di 12 giocatori in elenco gara, proprio come accade in Serie A. Verrà convocata nei prossimi giorni infine l’assemblea elettiva, già fissata per lunedì 31 luglio. L’obiettivo della Lega di B, alla ricerca di un nuovo presidente dopo l’addio di Abodi, è quello di evitare il rischio commissariamento da parte della Figc.

Ufficio Stampa
Frosinone Calcio

Articoli Recenti