GUALTIERI IN CANADA, L’AMICIZIA CON SAPUTO E IL PROGETTO TIFOSI NEL MONDO

 In Senza Categoria

MONTREAL – Cinque giorni Oltreoceano per rinsaldare una vecchia amicizia e tracciare senza indugi la rotta del Frosinone che verrà, il Frosinone che tra i suoi progetti guarda con interesse all’internazionalizzazione del ‘brand’, a dare corpo all’identità del territorio anche a migliaia di chilometri di distanza. Salvatore Gualtieri non ha perso tempo e, nella sua veste di massimo responsabile dei Rapporti Istituzionali in Italia e all’estero ancorché di Direttore dell’Area Marketing & Comunicazione, è volato in Canada. Una missione di 5 giorni, proficua. Che si ripeterà probabilmente nel mese di ottobre, quando, come vedremo, il progetto verrà ampliato. A Montreal nelle ultime ore ha riabbracciato un amico, Joey Saputo, imprenditore italo-canadese nel campo dell’industria casearia, patron dell’Impatct di Montreal e molto conosciuto in Italia per essere anche il presidente del Bologna.
Gualtieri e Saputo sono amici da 35 anni ed è lo stesso dirigente giallazzurro a sottolinearlo: “Ci conosciamo sin dai tempi dell’Università. Poi a Montreal nacque il nostro rapporto che si è cementato nel corso degli anni. Anche rinsaldato dalla passione per il calcio. Lui siciliano, io calabrese e quando due italiani si trovano dall’altra parte del mondo stringono rapporti che restano indelebili nel tempo”.
Saputo ha invitato Gualtieri in Canada (anche) per assistere a due partite della squadra squadra, l’Impact di Montreal che qualche stagione or sono giocò un’amichevole anche a Frosinone. Nella giornata di mercoledi la squadra di Saputo ha battuto 2-1 in casa il Philadelphia Union per la 5.a giornata della Major League Soccer 2017, la prossima partita sarà contro il Dallas.
Ma al di là del piacere di assistere a due sfide del campionato d’Oltreoceano, Gualtieri ha voluto evidenziare l’inizio del percorso che trova ampia spiegazione del progetto presentato nei giorni scorsi (il 6 luglio agli sponsor e il 15 luglio nella conferenza stampa a Ferentino, ndr) che punta dichiaratamente ad un allargamento della base del marchio. Appunto, in primo luogo all’internazionalizzazione del ‘prodotto-Frosinone’. “E’ un programma – ha spiegato Gualtieri mentre a Montreal sono le 4.20 di giovedi mattina – nel quale sia la nostra Academy che il Settore Giovanile del Frosinone ricopriranno un ruolo centrale”.
Nel Progetto Experience, al capitolo sviluppo del ‘brand’, c’è un indirizzo ben preciso: la nascita e lo sviluppo a macchia d’olio di Club di tifosi giallazzurri nel mondo. Il viaggio in Canada è il primo di una serie, senza dubbio. Il dirigente del Frosinone ha già messo a segno in questa missione-lampo un punto importante di questa partita lunga, anche difficile ma comunque dal grande fascino per una società come il Frosinone: “Abbiamo definito il rapporto con la comunità ciociara di Windsor (nell’Ontario, ndr), quella di Toronto ed avremo un incontro con la comunità di Montreal presieduta da Aldo Faustini di Ripi, il papà Antonio è stato presidente storico del Club del Frosinone di Montreal”.
Ma nella valigia di Salvatore Gualtieri c’è di più: stringere un legame che vada oltre. Anzi che parta dalla passione e dal tifo dei ragazzi. E come? Nel Progetto Experience c’è proprio un passaggio ‘ad hoc’ che guarda al mondo della Scuola. Ma prima ancora c’è l’elemento che deve dare il là all’entusiasmo per i colori del Frosinone al di fuori dei confini, nel mondo. “Il secondo obiettivo – ha dichiarato Gualtieri – è infatti l’organizzazione di una tournee in Canada alla fine della stagione 2017-’18. Il Frosinone è atteso per la disputa di una amichevole di lusso con l’Impact di Montreal. E in via di definizione anche amichevoli con le squadre di Toronto e Windsor, le città dove le comunità ciociare sono molto ben radicate. Ad ottobre ci sarà un altro incontro per chiarire i dettagli anche di queste operazioni”.
E poi ci sono i giovani, o meglio l’interesse dei giovani da far emergere e da fidelizzare. Come peraltro più volte ripetuto dallo stesso Gualtieri da quando è arrivato nel club giallazzurro: “Abbiamo in mente di organizzare una partita al ‘Benito Stirpe’ tra la squadra vincitrice della Frosinone School Cup (data di quella finale probabilmente il 6 gennaio 2018, progetto da avviare all’inizio del prossimo anno scolastico, ndr) e una selezione canadese composta da figli di ciociari in Canada”.
Cinque giorni Oltreoceano per tracciare la prima rotta del Frosinone che verrà, il Frosinone nel mondo.
Ufficio Stampa Frosinone Calcio

Articoli Recenti