Partita scoppiettante al 'Benito Stirpe'. I giallazzurri avanti con un gran gol di Iemmello, chiudono il primo tempo sotto 2-1

DI GREGORIO E L’ARBITRO FERMANO UN GRANDE FROSINONE, COL MONZA E’ 2-2

Ad avvio di ripresa Vitale e Salvi confezionano il 2-2, destro implacabile dell'ex Palermo. Poi è dominio dei canarini che urlano per un penalty solare mentre il portiere ospite colleziona miracoli
 In Prima Squadra, Slider Home

FROSINONE (3-5-2): Bardi; Curado, Szyminski, Capuano; Salvi, Boloca, Maiello, Gori, L. Vitale (33’ st Zampano); Iemmello (18’ st Ciano), Novakovich (32’ st Tribuzzi).

A disposizione: Iacobucci, Vettorel, Millico, Ariaudo, D’Elia, Carraro, Vitale M., Parzyszek, Brignola.

Allenatore: Nesta.

MONZA (4-3-3): Di Gregorio; Donati, Bellusci, Paletta, Carlos Augusto; Armellino (34’ st Frattesi), Scozzarella (34’ st Barberis), Barillà (27’ st D’Errico); D’Alessandro (27’ st Maric), Gytkjaer, Diaw.

A disposizione: Lamanna, Sommariva, Anastasio, Bettella, Scaglia, Ricci, Colpani, Sampirisi.

Allenatore: Brocchi.

Arbitro: Signor Antonio Di Martino della sezione di Teramo; assistenti Sigg. Salvatore Affatato della sezione di Verbania-Cusio-Ossola e Antonio Vono della sezione di Soverato (Cz); Quarto Uomo Signor Federico Dionisi della sezione di L’Aquila.

Marcatori: 17’ pt Iemmello, 19’ pt Paletta, 43’ pt Gytkjaer, 2’ st Salvi.

Note: partita a porte chiuse; angoli: 5-2 per il Frosinone; ammoniti: 31’ pt Gori, 34’ pt Salvi, 5’ st Maiello, 20’ st Bellusci, 27’ st Diaw, 27’ st Vitale, 30’ st Maric; recuperi: 0’ pt; 4’ st

FROSINONE – Un grande Frosinone pareggia con il Monza 2-2 in rimonta e alla fine può recriminare per un rigore non concesso a 4’ dal 90’ e per almeno 3 parate decisive di Di Gregorio. Partita scoppiettante. Il Monza va al riposo sul 2-1 ma il Frosinone non demerita. I giallazzurri passano con Iemmello al 17’ ma subiscono il  pari quasi immediato di Paletta. Nel finale azione in fotocopia con quella del provvisorio vantaggio canarino, Scozzarella serve Gytkjaer che sfrutta anche un rimpallo fortunoso sulle gambe di Szyminski e infila il 2-1. In avvio di ripresa Salvi fa 2-2. E poi solo Frosinone2, al Monza solo un’occasione sprecata da Diaw sulle mani di Bardi.

IN CAMPO – Il 3-5-2 del Frosinone presenta 5 cambi rispetto alla gara di Cremona. Bardi tra i pali, la prima novità è rappresentata da Curado (nella posizione di centrodestra) che rileva lo squalificato Brighenti, poi Szyminski al centro (al posto di Ariaudo che va in panchina) e Capuano confermato sul centrosinistra. Nei cinque di centrocampo, Salvi resta a destra, esordio dal 1’ a sinistra per Luigi Vitale, Maiello mediano basso con due interpreti che gli cambiano ai lati con gli innesti di Boloca e Gori al posto degli squalificati Rohden e Kastanos. Conferma infine per il duo d’attacco Iemmello-Novakovich.

Nel 4-3-3 di Brocchi non ci sono Balotelli e Boateng mentre in panchina non c’è Mota. Tra i pali l’ex Pordenone Di Gregorio, difesa a quattro con Donati e Carlos Augusto rispettivamente sulla corsia mancina e destra, Bellusci e Paletta sono i centrali. In mezzo al campo Scozzarella è il regista, Armellino e Barillà le mezze ali, nel tridente offensivo D’Alessandro e Diaw attaccanti esterni, Gytkjaer punta centrale.

BOTTA E RISPOSTA IEMMELLO-PALETTA – E’ del Frosinone la prima palla interessante della partita, colpo di testa di L. Vitale tra le braccia di Di Gregorio. E’ subito arrembante la squadra di Nesta, il Monza si difende con ordine. Una interessante transizione di Vitale da destra apre la corsia per Salvi, Carlos Augusto commette fallo di mano in elevazione, punizione battuta velocemente ma Boloca conclude debolmente tra le braccia di Di Gregorio un’ottima opportunità. Si fa notare il Monza con un cross da sinistra di D’Alessandro, attento Bardi in presa alta. Il Frosinone difetta di precisione nelle ripartenze ma copre bene il campo e in questa fase non è la squadra monocorde che si era vista in casa con il Pescara e nel secondo tempo di Cremona. Al 13’ dall’asse Vitale-Maiello esce fuori un bel pallone per Iemmello che si fa pescare oltre la linea dei difensori. Si nota poco per ora il Monza che lascia possesso e trame ai giallazzurri. Al 17’ il Frosinone passa: Maiello parte davanti alla propria difesa, pallone con il contagiri per Iemmello che elude il tentativo di Paletta e con uno ‘scavetto’ morbido batte Di Gregorio. La risposta del Monza è immediata: prima un tiro di Diaw deviato in angolo a 7-8 metri dalla porta, poi dalla bandierina il pallone di Barillà che taglia in due la difesa giallazzurra troppo schiacciata sul portiere, colpo di testa indisturbato di Paletta e primo miracolo di Bardi, ribattuta dell’ex nazionale ancora indisturbato e pareggio, con Capuano che non riesce ad intervenire. Tutto da rifare per i giallazzurri, colpiti appena 2’ dopo il vantaggio.

GYTKJAER LA RIBALTA – Frosinone vicino al vantaggio con una bella azione corale al 26’, Iemmello taglia alle spalle della difesa brianzola, Vitale si intrufola ma non arrischia il tiro, il cross basso ad uscire non trova nessuna maglia giallazzurra all’appuntamento con il tap-in facile. Il Monza concede qualcosa nelle uscite, Maiello ruba palla e serve immediatamente Novakovich che ha spazio tra Paletta e Bellusci ma perde l’attimo, non punta la porta e l’azione sfuma. Il primo giallo cade sulle spalle di Gori che lo spende bene, il Frosinone trova una ripartenza sull’ennesimo pallone perso dai biancorossi in mezzo al campo ma Boloca rende il favore è un interessante contropiede sfuma. Secondo giallo per il Frosinone, è Salvi che si lascia prendere il tempo da D’Alessandro, la chiusura va sulle gambe. Ammonizione e punizione per il Monza che però commette fallo in area con Gytkjaer. Tanta dinamicità nella mediana giallazzurra ma le due squadre danno l’impressione di annullarsi proprio in mezzo al campo. Al 43’ Scozzarella fa il Maiello, pallone nello spazio per Gytkjaer, spalla a spalla di Szyminski che è sfortunato nel rimpallo, il biondo attaccante si ritrova il pallone sul piede e batte Bardi in uscita eludendo anche il ritorno di Curado. Il tempo si chiude con il Monza in vantaggio 2-1.

SALVI PAREGGIA, MIRACOLI DEI PORTIERI – Un minuto e mezzo e il Frosinone pareggia. Azione quinto su quinto, pallone di Vitale a Salvi che di destro infila in diagonale la palla del 2-2. Il Frosinone vuole continuare a cavalcare l’onda, ancora Salvi per Iemmello che colpisce di destro di prima intenzione, pallone alto di un niente ma sulle gambe dell’attaccante canarino c’è il tocco galeotto di Paletta che il signor Di Martino sorvola. La squadra di Nesta propone buone trame adesso, Salvi a destra è il dominatore, pallone dentro che Novakovich appoggia a Gori ma il tiro è una telefonata per Di Gregorio. E’ un buon momento per i giallazzurri che però alternano manovra fluida a fasi di gioco più timorose mentre i due allenatori preparano le prossime mosse. Il Monza da parte sua stenta ad esprimere tutto il valore di un organico esagerato per la serie B e gioca sull’errore dei giallazzurri, dai quali sono scaturite le due reti brianzole. Un po’ di apprensione davanti a Bardi mentre Nesta lancia nella mischia Ciano al posto di Iemmello al 18’. E 1’ dopo è Maiello che a passo felpato entra in area dei lombardi ma il pallone ad uscire per Novakovich è intercettato da Paletta che evita guai. Bellusci rimedia un giallo, Di Martino ne risparmia uno identico per Paletta. E Salvi al 21’ ci riprova dalla stessa mattonella ma il tiro di collo piede destro stavolta è largo. Funziona l’asse quinto-quinto nel Frosinone, stavolta è Salvi che vede Vitale, la mezza rovesciata dell’ex dello Spezia è alta. Al 25’ Frosinone vicino al 3-2: è Vitale che serve in area Novakovich, pallone dal sinistro al destro, Bellusci va a terra, gran botta destinata all’incrocio opposto ma c’è il miracolo di Di Gregorio a deviare in angolo. E dall’altra parte è Bardi a mettere le mani unite per deviare su Diaw che poco prima aveva incassato un giallo.

DI GREGORIO E L’ARBITRO NEGANO LA VITTORIA – La partita è aperta, bella, intensa. Ciano parte da metà campo, arriva al limite, ha due soluzioni ma sceglie quella sbagliata su Novakovich che è già un passo avanti. Parte la girandola di cambi. D’Errico e Maric per Barillà e D’Alessandro al 27’, risponde Nesta al 32’ con Tribuzzi per Novakovich e Zampano per Vitale e infine replica ancora Brocchi al 34’ con Barberis per Scozzarella e Frattesi per Armellino. Le squadre cambiano volto per vincere ma nel frattempo è Bardi a mettere le mani su un colpo di testa di Maric. Sale di tono il Monza ma il Frosinone non arretra e quando può va a pungere. A 4’ dal 90’ il Frosinone grida al rigore: palla d’oro di Tribuzzi, Novakovich prima colpisce di testa e impatta sul corpo di Bellusci, poi di destro e stavolta è il braccio allargato del difensore a deviare. Quindi ciabattata alle stelle di Gori. Il Frosinone cerca la vittoria, Ciano dentro l’area ma Di Gregorio devia quel tanto che basta ad evitare il 3-2. Ed è ancora Di Gregorio con un altro miracolo a deviare il pallone sul colpo di testa di Novakovich destinato all’angolino basso alla sua destra. Il Monza è alle corde ma l’arbitro dice che può bastare. Un grande Frosinone fermato da Di Gregorio e dall’arbitro blocca la corsa del Monza e acquista morale e un punto d’oro per la classifica.

Giovanni Lanzi

 

 

Articoli Recenti